Le 13 canzoni che Facebook ci ha fatto odiare

Le 13 canzoni che Facebook ci ha fatto odiare

Facebook è, spesso e volentieri, il luogo in cui le persone manifestano il loro lato peggiore. Sfortunatamente per noi, lo fanno anche in ambito musicale. Spesso gli amanti del commerciale non si ostinano soltanto a pubblicare canzoni simili ai loro gusti ma, durante l’anno, con molta originalità ripropongono pezzi che un senso e una dignità li avevano, stuprandoli, ahinoi, fermandosi ai loro significati superficiali e portandoci ad odiarli. Perché? Perché pubblicare in massa una canzone solo perché porta il nome del mese corrente?. È un crimine contro l’umanità!

1. WAKE ME UP WHEN SEPTEMBER ENDS-GREEN DAY
Chi dice di non aver mai apprezzato questa canzone, mente. Un bel testo, una melodia malinconica ma allo stesso tempo piacevole ed orecchiabile, uno dei migliori arrangiamenti dei Green Day. Certo è che, da quando l’1 Settembre abbiamo la home intasata dal suo videoclip, l’opinione a riguardo è cambiata.

2. GUARDIA ’82-BRUNORI SAS
Il pezzo del cantautore proveniente dalla provincia cosentina non è incriminato per il suo titolo ma per una frase del testo. Se il primo settembre riceviamo bombardamenti targati Green Day, il 31 Agosto, forse perché c’è “una storia che nasce e un’estate che muore”, ci toccherà trovare il cantante calabrese sulle nostre bacheche.

3. IMPRESSIONI DI SETTEMBRE-PFM
Ci hanno sempre raccontato che la musica è fatta a scale e che prima o poi ciascuno di noi imparerà ad apprezzarla tutta. Crescendo, abbiamo notato che non è così. Se l’utente medio ancora pensa che “Premiata Forneria Marconi” sia stato il panificio sotto casa (ora chiuso), chi è un gradino più in alto in questo nono mese dell’anno non può che riapprezzare questo magnifico gruppo. Certo, se lo facesse con più originalità sarebbe anche meglio.

4. NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI-ANTONELLO VENDITTI / IMMATURI-ALEX BRITTI
La maturità l’abbiamo fatta tutti. E per i più giovani, da qualche anno, farla avendo tra le mani un account Facebook è equivalso a rovinare i mesi di Giugno-Luglio ad amici e conoscenti postando a oltranza queste due canzoni, sottolineando quanto sia duro e difficile completare la parte più facile della vita. Tant’è che sempre più ragazzi arrivano a questo traguardo già con l’allergia a questi due cantanti, causata dai maturandi degli anni precedenti.

5. WIND OF CHANGE-SCORPIONS
Arriviamo ad un’altra canzone straniera, stavolta condivisa per un motivo globale e decisamente più serio. Quanti l’hanno vista riesumata in occasione dell’11 settembre? Note bellissime, un testo serio ed impegnato, ma se chi la pubblica pensa che l’Islam sia uno stato e durante tutto l’anno la canzone più seria che posta è l’ultima de “il Pagante” beh…noi restiamo un po’ interdetti.

6. LA DANZA DELLE STREGHE-GABRY PONTE
Da bambini, durante la notte di Halloween temevamo il mostro che dimorava in tutte le nostre camerette, magari sotto il letto. Con il tempo, abbiamo cominciato a temere l’apparizione di questa canzone, che, se paranormale non è, poco ci manca. Soprattutto quando, a questi grandi amanti della disco italiana, chiedi cosa ne pensano degli Eiffel 65 e rispondono “No guarda, ascolto solo Gabry Ponte!”. Che dire, un brivido lungo la schiena.

7. NOVEMBER RAIN-GUN’S N ROSES
E alla prima pioggia di Novembre cosa succede? Uno dei gruppi rock più famosi della storia torna prepotentemente a prendersi la scena, almeno quella virtuale dei social network. Cerchiamo di guardare il lato positivo, scegliendo i Guns ci rispariamo un “Senti che fuori piove, senti che bel rumore..” come status.

8. DOMENICA DA COMA-J-AX
Domenica. Se ad alcuni verrà in mente “la domenica delle salme” di Fabrizio De Andrè, da settembre a giugno il vostro vicino di casa che fa la seconda media, tornando a casa dall’oratorio penserà a questa canzone e la condividerà: di J-Ax conosce solo questa e Maria Salvador e se gli dici “Articolo 31” spera che non debba impararlo a memoria per la lezione di cittadinanza di domani.

9. ALL I WANT FOR CHRISTMAS IS YOU-MARIAH CAREY
Dal lontano 1994, durante il periodo delle feste, compare anche lei. Mariah Carey e la sua voce: tra uno spumante e un pandoro, in fin dei conti non ci provocano poi così tanto dispiacere. A Natale si può essere più buoni e forse, inebriati dall’atmosfera, siamo disposti a perdonare i nostri esperti di musica da tastiera.

10. COSì CELESTE-ZUCCHERO
Torniamo all’Italia, precisamente all’Annus Domini 1996, quando Zucchero ha sfornato questo pezzo, ancora usato in pubblicità e spot vari. Se ci proponessero più spesso “Natale allo zenzero” degli Elio e Le Storie Tese saremmo più felici.

11. LA CANZONE DEL MAGGIO-FABRIZIO DE ANDRÈ
Nel vedere migliaia di giovani pubblicarla, Faber forse si meraviglierebbe. Di solito si fermano a Bocca di rosa, i più intrepidi si spingono fino a Don Raffaè. Ma, rigorosamente dopo il Primo Maggio, appare anche lei.

12. I CENTO PASSI-MODENA CITY RAMBLERS
Primo Maggio spesso e volentieri fa rima con stupro musicale. In quanti condividono “I cento passi” dei MCR e poi, ad una domanda sulle vittime di mafia, rispondono “Dalla Chiesa chi? Mattarella? Non era quello che faceva il presidente??”. In questi casi un po’ di ironia, in stile “Complesso del Primo Maggio” degli EelST, non guasta.

13. NOTTI MAGICHE-NANNINI, BENNATO
Ogni evento sportivo ha la sua colonna sonora. Spesso queste canzoni vengono dimenticate qualche mese dopo, ma noi italiani ne abbiamo una conficcata in testa dall’estate del 1990. Uniti tutti sotto una sola bandiera, che sia per l’europeo o per il mondiale, questa è la canzone da postare.

Abbiamo volutamente escluso dall’elenco le canzoni pubblicate esclusivamente negli anniversari di morte dell’autore, anche perché spesso prima della morte i nostri eroi non sapevano neanche chi fosse. Che dite, ne abbiamo dimenticata qualcuna? Sicuramente sì, dato che la monotonia non ha confini! Suggeritecene altre per il prossimo articolo!

Author: Gabriele Cortale


Loading...

Scrivi un commento