natale in vaticano

Concerto di Natale in Vaticano 2018, svelato il cast completo

Sabato 15 dicembre, dall’Aula Paolo VI in Vaticano, andrà in scena la nuova edizione del Concerto di Natale. Per il ventiseiesimo anno, la prestigiosa location accoglierà un eccezionale cast di artisti che si esibiranno sul palco per evocare le atmosfere della ricorrenza religiosa e trasmettere un universale messaggio di pace.

A condurre la kermesse, che sarà riproposta su Canale 5 in giorni 24 in prima serata, sarà Gerry Scotti. Per quanto concerne gli invitati, tanti i nomi illustri,  a partire dalla star americana Anastacia. Non da meno il nuovo talento spagnolo Alvaro Soler, che da alcune stagioni imperversa con i suoi tormentoni, e poi Hussain Al Jassmi (Emirati Arabi), Mihail e Gheorghe Zamfir (Romania) e la New Direction Tennessee State Gospel Choir (Stati Uniti).

Per quanto concerne gli artisti di casa nostra, c’è Alessandra Amoroso, da poco uscita con il suo nuovo album 10 per festeggiare il primo decennale della sua carriera. Attesa anche per Ermal Meta, uno dei più apprezzati cantautori dell’ultimo biennio, in grado di convincere più grandi e più piccoli, ed Edoardo Bennato, che non ha certo bisogno di presentazioni, così come il maestro Fabrizio Bosso. E ancora Giovanni Caccamo, Josè Feliciano, Andrea Griminelli (Italia), Raphael Gualazzi (Italia),  Art Voice Academy (Italia) ed il Piccolo Coro Le Dolci Note (Italia).

Il Concerto di Natale in Vaticano fu ideato nel 1993 quando, per reperire fondi per la costruzione di cinquanta chiese da collocare in alcuni quartieri periferici della capitale, si decise di organizzare questo evento musicale destinato a diventare un punto fisso di anno in anno. Ricevuta sin da subito l’approvazione dell’allora Papa Giovanni Paolo II (il quale aveva anche l’abitudine di ricevere in udienza speciale, poco prima dello spettacolo, ciascuno degli artisti invitati), il concerto subì una pausa nel decennio scorso (trasformandosi poi in un evento itinerante facente tappa a Montecarlo, Verona e Catania), ma da qualche anno a questa parte ecco la formula tradizionale in Vaticano.


Loading...

Scrivi un commento