Le canzoni per esorcizzare il lunedì (FOTO E VIDEO)

Una musica può fare, salvarti sull’orlo del precipizio” cantava Max Gazzè non sapendo che una musica può salvarti soprattutto dall’angoscia del lunedì.
Da sempre quello dell’inizio della settimana è stato un tema mai sottovalutato dai cantanti nostrani e non solo e al pari di una canzone d’amore, contro la guerra, o sull’amicizia in tanti hanno voluto cantare sul lunedì.

Vasco Rossi – Lunedì

(qui il video di Vasco)

fonte photo: www.rockol.it
fonte photo: www.rockol.it

Partiamo dal più drastico, nonché sfigato Vasco Rossi. Che il lunedì sia difficile ricominciare, dopo magari un weekend intenti a spappolarsi il fegato, è un dato di fatto. Iniziarlo con la ragazza che ti molla, bocciato ed arrestato rende tutto più difficile e come non concordare con Vasco quando alla fine canta “Quelli li odio di più, non lo so, ma è così! Odio i Lunedì“. La canzone è del 1987 e chiude l’album “C’è chi dice no“, ottavo album in studio di Vasco.

Pino Daniele – E allora si

(qui il video di Pino Daniele)

fonte photo : www.radiomontecarlo.net
fonte photo : www.radiomontecarlo.net

Lunedì, mi lasciati in quell’angolo così” nel 1993 cantava Pino Daniele, confermando non solo che il lunedì è proprio un brutto giorno, ma anche che una cosa che accomuna molte donne, ovviamente oltre nell’andare insieme in bagno, è quella di lasciare i propri uomini ad inizio settimana.
Così, giusto per rendere tutto più semplice. Ma, fortunatamente, c’è la musica e sopratutto quella di Pino a tirare su chi non ha avuto un grande risveglio che altro non potrà pensare “Che Dio ti benedica Pinù“.

New Order – Blue Monday

(qui il video)

fonte photo: www.spl80.com
fonte photo: www.spl80.com

C’è chi il lunedì lo vede noioso, chi straziante e chi invece blue. E’ il caso dei New Order che negli anni ’80 con la new wave cantavano “Blue Monday” in risposta alla delusione del fatto che il pubblico dei loro concerti non aveva mai chiesto bis. La canzone infatti era stata concepita come un semplice pattern che gli avrebbe concesso di ritornare sul palco, accendere il sintetizzatore e lasciare che la gente ballasse. Però mentre la componevano, lentamente essa si evolse in un progetto più complicato che li ispirò e così, da un semplice esperimento si trasformò in un vero e proprio singolo discografico. Tuttavia, è stata sempre eseguita comunque solo come bis.

The Boomtown Rats – I Don’t Like Mondays

(qui il video)

fonte photo: www.bbc.co.uk
fonte photo: www.bbc.co.uk

Nel gennaio del 1979 Bob Geldof sente la notizia di una sedicenne di San Diego, Brenda Ann Spencer, che si è resa protagonista di una sparatoria nella scuola di fronte a casa sua uccidendo due persone e ferendone altre nove. Alla domanda perché avesse fatto questo gesto lei risponde “I don’t like Mondays“. Nel marzo dell’anno dopo i genitori di Brenda Spencer cercano invano di bandire “I Don’t Like Mondays” dagli Stati Uniti, inoltre diverse stazioni radio statunitensi si rifiutano di trasmettere la canzone, che però è già diventata un successo planetario.

The Bangles – Manic Monday

(ecco il video)

fonte photo : bestclassicbands.com
fonte photo : bestclassicbands.com

E’ solo un altro frenetico Lunedì. Vorrei fosse domenica” e come dare torto alle Bangles? In realtà, “Manic Monday” pur essendo il primo singolo di successo del gruppo tutto al femminile di Susanna Hoffs e delle sorelle Vicki e Debbi Peterson porta la firma di un certo Prince, che qualche anno prima aveva scritto e registrato il brano in duetto con la band Apollonia 6. La canzone raggiunse il successo solo con le Bangles che si portarono al secondo posto nelle classifiche americane ed inglesi. Al primo posto, ironia della sorte, c’era proprio Prince con la sua “Kiss“.

Ci rendiamo conto che è sempre dura cominciare, ma quando il gioco si fa duro la musica come sempre non ci abbandona mai. Happy Monday a tutti voi.


Loading...

Scrivi un commento