Skunk Anansie, ecco la tappa italiana del tour (FOTO)

Il 15 gennaio 2016, uscirà “Anarchytecture”, il nuovissimo album degli Skunk Anansie, seguito da un tour che farà tappa anche in Italia, precisamente all’Alcatraz di Milano il 17 febbraio.
“Anarchytecture” sarà il sesto album in studio della band inglese guidata dalla signora del rock Skin.
Il gruppo è ormai da circa venti anni uno dei più affermati nel panorama musicale, forse anche merito di Deborah Ann Dyer, a tutti nota come Skin. Con la sua voce graffiante e allo stesso tempo seducente, è diventata una vera e propria icona.
Si è imposta non solo come musicista, ma anche come personaggio pubblico. In queste ultime settimane infatti, la stiamo seguendo e apprezzando anche come giudice di X Factor Italia, al fianco di Mika, Fedez e Elio.
Nonostante il suo italiano stentato, Skin ha da subito fatto emergere la sua sensibilità, la sua competenza musicale e anche il suo lato più divertente.

skin

Il nuovo album, pubblicato in Italia con l’etichetta Carosello Records, arriva a quattro anni di distanza da “Black Traffic”, uscito nel 2012 e posizionatosi subito in vetta alle classifiche.
Dopo un periodo di separazione di circa 8 anni, gli Skunk Anansie sono tornati insieme nel 2009, più forti e più energici che mai.
La loro musica unisce stili e influenze diverse, dall’heavy metal, al reggae, al punp pop, ed è stata definita una musica di protesta, nera e femminista che affronta temi complessi e di chiara natura politica .

Il concerto di Milano, sarà l’unica data italiana del tour che vedrà Skin e compagni in giro per l’Europa a partire da febbraio 2016.
I biglietti per l’evento all’Alcatraz di Milano saranno in vendita su Ticketone e in tutti i circuiti autorizzati dalle ore 10.00 del 21 ottobre, al costo di 30 euro più prevendita.

Non ci resta che attendere il 17 febbraio per ascoltarli live a Milano

DATA ITALIANA DEL TOUR

Milano, Alcatraz, 17 febbraio 2015

Prezzo del Biglietto: €30,00 più prevendita
Prezzo del biglietto la sera del concerto: €35,00


Loading...

Scrivi un commento